Abbiamo pensato e realizzato per voi questo gioco sull’alimentazione, perché gli alimenti hanno accompagnato e accompagnano il nostro cammino evolutivo, nonché quello di tutti gli esseri viventi, dal momento della nascita in cui cerchiamo il latte materno, a quando da bambini ci arrampichiamo sugli alberi per raccogliere la nostra frutta preferita, … e poi avanti !.

Se facessimo un viaggio indietro nel tempo fino alla preistoria, scopriremmo che la nostra alimentazione fu ed è condizionata dall’ambiente in cui la specie umana si è evoluta: dai mutamenti climatici, come le glaciazioni e i diluvi, e dai conseguenti spostamenti dell’uomo sulla terra alla ricerca di cibo e di un luogo confortevole dove vivere, l’alimentazione si convertì in un fattore fondamentale per l’evoluzione fisica e culturale dell’uomo [1].

 

Ecco perché giocando a PAPPAMUNDI cresciamo ed avanziamo ancora una volta tutti assieme, e come i nostri antenati viaggiamo in mezzo a mille avventure e anche con qualche difficoltà, alla scoperta di nuovi alimenti, della loro origine e delle loro proprietà nutritive.


Viaggiando con PAPPAMUNDI ci accorgiamo che gli alimenti, così come si presentano in natura oppure elaborati con straordinarie ricette, ci raccontano la storia della terra e dei popoli che visitiamo, una storia che viene da molto lontano. Gli usi alimentari di un popolo fanno parte della sua identità, essi ci differenziano e allo stesso tempo ci uniscono; infatti ogni popolo è come una grande tribù, una grande famiglia!


Giocando a PAPPAMUNDI scopriamo nuovi gustosi e colorati frutti, cereali, legumi, insalate, ortaggi, semi oleaginosi e formaggi: alimenti da ogni parte del mondo, che saranno il nostro biglietto per il viaggio nella bellissima terra di “PAPPAMUNDI”.


“Alimentazione e cultura, basi dell’evoluzione [2]”: gli alimenti, quindi, sono una delle basi della vita. Il corpo dei bambini è in crescita, in continua trasformazione e ha bisogno di un’alimentazione quotidiana fatta di alimenti freschi e vitali, buoni per il corpo e la mente.


Il dott. Ferriz Olivares e la presidentessa dell’E.L.I.C. Maria Nilda Cerf Arbulù (fondatori dell’E.L.I.C., Scuole Libere di Ricerca Scientifica per Bambini) ci hanno insegnato che non è soltanto importante alimentarsi a sufficienza o finché abbiamo la pancia piena, ma che, per crescere forti, sani e intelligenti, è soprattutto importante SAPER mangiare: “[…] la maggior parte delle persone hanno un’alimentazione non equilibrata, e anche tra le persone che seguono diverse diete ben equilibrate, molte mescolano gli alimenti in un pasto producendo i peggiori effetti [3].”


Nella terra di PAPPAMUNDI iniziamo ad apprendere l’arte del comporre ricette in modo armonico [4], spostandoci da Oriente a Occidente, da Nord a Sud, in un affascinante viaggio tra sapori, profumi e colori.

Giocando vi accorgerete molto presto, che gli alimenti che abbiamo scelto sono di origine vegetale o derivati da prodotti animali come l’uovo, il miele e i formaggi; perché oggigiorno si considera il regime ovo-latto-vegetariano una delle forme di alimentazione più salutare per adulti e bambini [5].


Se osserviamo la natura con attenzione esistono animali intelligenti, simpatici, forti, resistenti e longevi come il cavallo, la giraffa, il cammello e lo scoiattolo che sono vegetariani, e lo è persino l’elefante, che ha un corpo grande e forte con occhi vivaci e una memoria formidabile!

La varietà e la scelta di alimenti sani fortifica il nostro corpo, la nostra mente e anche il sistema ecologico della Terra su cui viviamo.


Se pensiamo che il 95% dell’avena coltivata sulla Terra viene usata per nutrire gli animali da allevamento [6], ci rendiamo conto che così facendo sprechiamo molte energie, perché potremmo mangiare direttamente l’avena, per esempio in fiocchi alla colazione del mattino o nelle minestre. Proprio come accade per l'avena, la maggior parte dei cereali e dei legumi che si coltivano oggi in tutto il mondo vengono utilizzati non per il consumo umano, ma per l’alimentazione degli animali da allevamento [7] !

E’ per questo motivo che alimentarci prevalentemente con legumi, cereali, ortaggi, frutta, semi ed alimenti derivati da prodotti animali, come il latte, i formaggi e le uova, rappresenta oggi una forma di vita in armonia con la Terra e tutti i suoi abitanti (che sono molti e in continua crescita). La Fondazione E.L.I.C. promuove l’alimentazione ovo-latto-vegetariana dal 1977, perché è un’alimentazione salutare. Nel 2010 l’ONU ha dichiarato che la transizione verso una dieta senza prodotti animali sarebbe la via da seguire per risolvere i problemi ambientali e di alimentazione che oggi causano molti squilibri sul pianeta7.

Con PAPPAMUNDI, questa conoscenza la mettiamo in pratica !


In PAPPAMUNDI troviamo anche simpatiche ricette provenienti da diversi paesi del mondo! Così quando abbiamo un po’ di tempo a disposizione, possiamo (sempre accompagnati dai genitori!) imparare a preparare i piatti che più ci interessano, per mangiare cibi gustosi, sani, ecologici, e che ci facciano scoprire una caratteristica di un popolo lontano, che grazie a questo gioco potrà essere un po’ meno sconosciuto.


Vi auguriamo buon viaggio nel Mondo di PAPPAMUNDI !


Note bibliografiche:

[1] Consiglio C., Siani V. (2003) Evoluzione e Alimentazione il cammino dell’Uomo. ed. Bollati Boringhieri

di Vincenzo F. Evoluzione: da Australopithecus a Homo. Nutrirsi n.9 Marzo 2011, ed. Vincenzino Siani

di Vincenzo F. L’ambiente, l’uomo, l’alimentazione” Nutrirsi n.8 Dicembre 2010, ed. Vincenzino Siani

[2] Ferríz Olivares D.J. (1986) El Retiro del Maestre Dr. Serge Raynaud de la Ferriere. ed. Diana, México

[3] Raynaud de la Ferriere S. (1979) Propósito Psicológico - Medicina y Pseudomedicina. ed. Nueva Era, Perù

[4] Ferríz Olivares D.J. et al. Tabla de compatibilidades alimenticias, combinaciones armónicas e inarmónicas. inédito

[5] Position of the American Dietetic Association: Vegetarian Diets. (2009) J Am Diet Assoc.; 109: 1266-1282

[6] www.nutritionecology.org/it/overview/nutrition_intro.html

[7] UNEP (United Nations Environment Programme) Assessing the environmental Impacts of Consumption and Production. (2010)